L’immersione notturna è sicuramente una tra le più affascinanti avventure che si possano provare. Essere ospitati di giorno in un mondo così diverso dal nostro è già una grande emozione ma la notte aumenta enormemente il mistero e la sorpresa.

Ovviamente è sempre buona regola frequentare di notte luoghi che si sono già esplorati abbondantemente di giorno. L’esperienza e la familiarità sono requisiti essenziali per un’immersione tranquilla e serena con un occhio di riguardo speciale alla sicurezza.

Per quanto mi riguarda l’emozione parte già dalla preparazione dell’attrezzatura a casa. Controllare i vari componenti dell’equipaggiamento, la carica delle batterie dove servono, lo scafandro della reflex con il flash, le lampade subacquee a led (due sulla custodia ed una di riserva legata al gav). Con calma e pazienza esamino ogni componente affinché non mi riservi sorprese in immersione. Di notte è tutto più bello ed affascinante ma anche più difficile e complicato. Meglio cercare di limitare al minimo i rischi. Ripongo tutto nella borsa stagna e la posiziono davanti all’ingresso accanto alla bombola, la zavorra e la custodia fotografica.

Percorrendo la breve strada che mi porterà al punto d’immersione osservo il mare e la sua corrente. Quando presente, la luna disegna diritte strade argentate sulla sua superficie. Dal finestrino entra un’aria dolce e distensiva già messaggera di una meravigliosa quanto breve fuga dal mondo comune di ogni giorno.

All’arrivo scelgo un posto, quello solito, per posteggiare e, dopo una rapida occhiata in giro, inizio a scaricare e montare l’attrezzatura. I gesti sono ormai naturali e conosciuti… quasi meccanici. Eppure ancora riservano delle sorprese… magari un passaggio di una frusta non è perfettamente funzionale… perché non spostarlo in un altro punto? E così ogni immersione è un esperimento alla ricerca della perfezione.

Porto tutto sulla solita spiaggetta di ghiaia ed anche questo breve tragitto, con la pesante attrezzatura in spalla, è un vero piacere. La notte mi avvolge e da lontano arriva con il vento la musica e la vita della civiltà da cui a breve mi allontanerò pur restandone tanto vicino.

Preparo pinne, calzari, maschera, pugnale e zavorra tutti vicini ai piedi del gruppo già pronto. Prendo la muta e la indosso bagnandomi nell’acqua silenziosa. Qualche scintillio tradisce la presenza di piccoli pesciolini paurosi. A memoria indosso il resto e mi dirigo nuovamente alla macchina per prendere la custodia. Ripongo infine la chiave della macchina nel contenitore stagno e sono finalmente pronto ad iniziare. Prima porto il gruppo nell’acqua un pò più alta e lo lascio a galleggiare mentre controllo che l’allarme allagamento della custodia rimanga in silenzio. Poi, ormai meccanicamente, allaccio le cinghie ventrali e pettorali del gav, provo la torcia, gli erogatori, controllo un’ultima volta la pressione nel manometro, il computerino e nuovamente la custodia… l’allarme fortunatamente tace.

Esco dall’insenatura della spiaggetta e mi allineo per il breve tragitto di pochi minuti in superficie. Amo fare questa parte a pancia in su osservando il cielo stellato. Le stelle sono proprio tante… mai le noto così bene come in quest’occasione. Eccomi arrivato alla punta… tutto è silenzio. Solo lo sciabordio dell’acqua sulla riva e contro di me. Accendo l’illuminatore principale quasi a malincuore… tutto diventa luce. Ogni volta che guardo il fascio potente e penetrante mi ripeto e mi compiaccio di aver fatto un ottimo lavoro realizzando le mie lampade subacquee. Scarico l’aria in eccesso e comincio a scendere effettuando le prime compensazioni.

Tutto mi appare subito ricco di colori ed emozioni. Forme di vita guizzanti e nervose imperversano nel fascio di luce. Ogni angolo nasconde in un mare di colori scene meravigliose e forme di vita fantastiche. Il segreto è osservare i particolari e l’insieme contemporaneamente.

Solo così è possibile godere appieno di una simile rara occasione per assistere a quanto la natura ancora sia selvaggia ed inesorabile.

Di notte più che mai vige la legge del più forte dove la catena alimentare determina chi si nutrirà per sopravvivere e chi invece perirà. Perché è così che la natura vuole… è così che da centinaia di milioni d’anni funziona il sistema.

La riproduzione, favorita dalla protezione del buio, assume carattere di necessità primaria per la sopravvivenza della specie. Gli esemplari maschi e femmine riescono a ritrovarsi ed accoppiarsi celandosi alla vista di potenziali predatori nelle tenebre liquida.

Nelle ore notturne avviene un vero e proprio avvicendamento con le specie di abitudini diurne. Le castagnole (Chromis chromis)  si riparano negli anfratti facendo compagnia ai Re di triglie (Apogon imberbis) mentre gamberi e granchi escono impavidi alla ricerca di cibo.

Specie raramente visibili di giorno possono essere avvistate mentre girovagano in esplorazione. La biscia di mare (Dalophis imberbis), la corvina (Sciaena umbra), la menola (Spicara smaris) ed il pesce alga (Syngnathus acus) ne sono un esempio.

Squadre di calamari (Loligo vulgaris) in perfetta formazione d’attacco attraversano il buio alla ricerca di cibo quasi come gli aerei da guerra si dispongono per avvistare e fronteggiare il nemico.

Anche specie comuni ma tendenzialmente timide come il polpo (Octopus vulgaris) e la polpessa (Octopus macropus) possono essere incontrate a passeggiare sugli scogli e le distese di alghe o sabbia.

In serate particolarmente fortunate è possibile vedere rarità come il pesce San Pietro (Zeus faber) che placidamente nuota ricordando, con il suo buffo aspetto, i pesci che abitano gli abissi profondi.

Ma, sebbene rapito dalle bellezze che mi nuotano intorno, devo fare sempre attenzione al manometro e alla bussola perché l’aria e la direzione fanno presto ad essere perse. Se non si memorizza il tragitto compiuto all’andata è impossibile riemergere nel punto d’inizio e perdersi di notte non è mai piacevole. Appena raggiunta la metà della mia scorta d’aria inizio il ritorno… a malincuore. Ma prima di cominciare a ripercorrere il tragitto al contrario mi concedo un ultimo piacere… ormai un’abitudine da tanti anni. Spengo le luci e rimango al buio. Aspetto che la mia vista si abitui all’assenza di illuminazione. Il respiro diventa automaticamente più lento, profondo e regolare. A poco a poco appaiono tra le alghe e sul fondale, dappertutto intorno a me, dei piccoli bagliori intermittenti… sono minuscole forme di vita bioluminescenti che ricreano la bellezza di un cielo stellato sott’acqua. Ma questa volta le stelle non sono in alto ma sotto ed intorno a me. Sono minuti d’incanto… lontano dall’affanno e dal rumore della terraferma nella pace e nel silenzio delle immensità marine.

Ma è ora di tornare… anche questa volta il patto è rispettato ed io porterò con me nei miei ricordi e nelle mie immagini quanto di stupendo, anche questa volta, ho avuto il privilegio di vedere.

 

Foto e testo sono dell’autore Ferdinando Meli

corso fotografia subacquea
Corso Fotografia Subacquea Livello base a Marettimo.
show
 
close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi